Aboubakar Fofana: 50 Sfumature di Blu.

L’indaco è uno dei colori che ci circonda di più, e Aboubakar Fofana l’ha capito subito. Lo vediamo nel colore dei nostri jeans, nei riti religiosi più antichi, perfino negli azzurri delle prime bandiere americane.
L’artista del Mali, fin dall’età di 15, lavora con questo stupendo prodotto della natura, grazie a ciò che ha appreso dalle anziane donne del suo villaggio.

“Venivamo addestrati dagli adulti a riconoscere le diverse piante nella foresta. Fu allora che sentii parlare dell’indaco dalle vecchie signore, di come dalle sue foglie verdi uscisse una tintura blu.”

 

Aboubakar Fofana, Mood Indigo, 2011, installation for the contemporary design and lifestyle fair Maison et Objet
Mood Indigo, Aboubakar Fofana, 2011, installation for the contemporary design and lifestyle fair Maison et Objet

 

Gli studi a Parigi sono stati un incubo per lui, essendo cresciuto immerso nella natura. Anche lì, circondato dal cemento, ha pensato spesso all’indaco e a come poterlo lavorare, e fu quello che fece una volta tornato a casa.
L’uso che ne fa è mille volte lontano dai processi di tintura commerciali, utilizza tecniche ancora valide dopo 5000 anni. Importante in questo processo è l’uso del vaso, dove avviene la fermentazione, e da cui dipende tutto. Le possibili sfumature sono circa 12, ma lui afferma di stare cercando ancora quella adatta lui, quella che lo soddisferà pienamente.

 

Aboubakar Fofana, Ombre Nomad The Niger River Tent, 2009
Ombre Nomad:The Niger River Tent, Aboubakar Fofana, 2009

 

“Forse cerco il mio blu specifico e sono sicuro che non lo troverò mai. Forse, quando lo troverò, sarà la fine di tutto”

 

La difficoltà di questi processi rende chiaro come sia impossibile una produzione in massa. Nonostante questo però, Fofana è riuscito a collaborare a progetti di edizione limitata con alcuni marchi, tra cui Edun, di cui sotto l’immagine.

 

Aboubakar Fofana for Edun, New York Fashion Week, 2012 and 2013
Aboubakar Fofana for Edun, New York Fashion Week, 2012 and 2013

 

 

Il limite di produzione non lo scoraggia, anzi, lo soddisfa. In questo modo, dice, si può concentrare sul processo di tintura sia come forma d’arte che come pratica spirituale. Per lui ogni tintura è come un figlio, nessuna è mai uguale all’altra, ma tutte sono amate allo stesso modo.
Nonostante la produzione limitata però, l’artista è riuscito ad esporre in molti musei e fiere, tra cui il Museo Nazionale del Mali, con l’installazione Les Arbres à Bleu, nel 2006.

 

Aboubakar Fofana, Les Arbres à Bleu, 2006, installation for the National Museum of Mali
Les Arbres à Bleu, Aboubakar Fofana, 2006, installation for the National Museum of Mali

 

Aboubakar Fofana, Les Arbres à Bleu (details), 2006, installation for the National Museum of Mali
Les Arbres à Bleu (details), Aboubakar Fofana, 2006, installation for the National Museum of Mali

 

Se vi sono piaciute queste immagini andate vedere la nostra bacheca Pinterest a lui dedicata!

 

Fonti Principali:

Fonti Immagini:

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva